HORUS Studio Medico Associato

G. Morelli C.Lauritano A.Sauro

Giovanni Morelli

Medico della Persona

Tisiologo Pneumologo Internista

Ecografista Clinico

Idoneità Nazionale Primario

Medicina Interna

riceve per appuntamento

cellulare 349.1830730

e-mail: dottormorelli@gmail.com

www.dottormorelli.it

Profilo professionale del Dott. Morelli

Laurea, abilitazione e specializzazioni presso l’Università degli Studi di Napoli. Specialista in Tisiologia e Malattie dell’Apparato Respiratorio, Specialista in Medicina Interna, Ecografista Clinico, Medico della Persona, in possesso dell’Idoneità a Primario di Medicina Interna, il Dott. Morelli vanta un’esperienza lavorativa pluridecennale in ambito ospedaliero e privato ed è coautore di pubblicazioni relative all’area cardiologica, pneumologica, gastroenterologica, tisiologica, epatologica, angiologica, endoscopica e malattie rare (istiocitosi e thorotrastosi). Ha svolto attività didattica per medici ed infermieri. Essendo nello stesso tempo specialista ed ecografista quando il Dott. Morelli viene consultato per una visita la prestazione comprende anche l’ecografia appropriata al problema del paziente; analogamente quando il Dott. Morelli viene consultato per una ecografia la prestazione comprende anche la visita specialistica di Medicina Interna e/o di Pneumologia. L’abbinamento visita+ecografia o ecografia+visita migliora di molto la diagnosi e spesso rende conclusiva la prestazione senza necessità di ulteriori accertamenti, salvi casi particolari. In un’azione di accurata prevenzione il Dott. Morelli offre gratuitamente un servizio di accoglienza per fornire informazioni, consigli e raccomandazioni.

Chiunque abbia bisogno può telefonare al 349.1830730 da lunedì a venerdì ore 10-13 e 16-19 oppure inviare una e-mail a dottormorelli@gmail.com o chiedere un incontro presso il suo studio senza aggravio di spesa.

Per ulteriori dettagli www.dottormorelli.it – www.dottormorelli.biz

Riceve esclusivamente per appuntamento presso Horus Studio Medico – via Ricciardelli 41 – 81100 Caserta Tel. 0823.327788.

Aree di competenza del dott. Morelli

Area cardiologica e pneumologica:

Studio del circolo cardiopolmonare mediante microcateterismo cardiaco destro secondo Grandjean-Matthys.

Contrastografia del circolo cavale superiore nella sindrome da ingombro mediastinico.

Poligrafia cardiaca ed elettrocardiografia clinica.

Cicloergometria.

Fotopletismografia.

Scintigrafia Cardiaca

Scintigrafia Polmonare Perfusionale e Ventilatoria

Scintigrafia tiroidea con tests di funzionalità

Broncoscopia.

Broncografia.

Prelievi endobronchiali per esami citoistologici in corso di broncografia selettiva nella diagnostica delle neoplasie broncopolmonari.

Allergologia respiratoria.

Spirometria.

Test di broncoreattività.

Tecniche microinvasive nella terapia del pneumotorace spontaneo e delle pleuriti batteriche e virali.

Terapia delle broncopatie suppurative (mucoviscidosi, bronchiettasie) mediante instillazione endobronchiale selettiva di farmaci.

Sui corpi estranei tracheobronchiali ed esofagei

Area gastroenterologica ed epatologica:

Studio chimico analitico dinamico della secrezione gastrica di base e dopo stimolo alcoolico, caffeinico, nicotinico.

Esafagoscopia,

Gastroduodenoscopia.

Rettosigmoidoscopia.

Laparoscopia.

Uso della scintigrafia epatica e della laparoscopia-biopsia nella diagnostica del carcinoma primitivo e secondario del fegato

Biopsia epatica secondo Menghini.

Rottura spontanea dell’esofago.

Uso della laparoscopia-biopsia nella diagnostica della peritonite primitiva tubercolare.

Uso della laparoscopia-biopsia nelle affezioni epatiche non neoplastiche

Area Urologica e Nefrologica:

Emodialisi e dialisi peritoneale.

Imaging radiologico e scintigrafico nella diagnostica dell’ipertensione arteriosa.

Diagnosi e terapia delle malattie infettive dell’apparato urogenitale maschile e femminile

Altro

Le istiocitosi X (due casi clinici ad evoluzione cronica con localizzazione polmonare).

Thorotrastosi (patologia oggi estinta)

LA MEDICINA INTERNA

La medicina Interna è una delle molteplici branche che costituiscono la Medicina Generale. Essa si occupa di riconoscere e curare patologie molto diverse e complesse affrontandole dal punto di vista medico e non chirurgico ed ha come obiettivo la tutela del malato nella sua globalità fisica e psichica, ossia la cura dell’ammalato in quanto persona La visita internistica consiste nella raccolta dei dati storici del paziente (cosiddetta anamnesi, momento di estrema importanza) e nell’esame fisico, supportati da vari tipi di accertamenti, se necessari.

medicina-interna

Uno degli strumenti diagnostici più importanti in Medicina Interna è l’Ecografia perché, a differenza di altri strumenti quali la TAC o la Risonanza Magnetica, richiede particolari doti di manualità e spirito di osservazione, oltre a adeguauata esperienza clinica propria dello specialista in Medicina Interna.

Chi è allora l’internista: un medico generico o uno specialista? È assolutamente uno specialista che (come tutti gli altri medici, specialisti e non specialisti) agisce nell’ambito della medicina generale, forte della sua specializzazione in Medicina Interna. Infatti la Medicina Interna non deve essere confusa e tantomeno assimilata né alla Medicina Generale né alla cosiddetta Medicina di base: il medico di base, detto anche medico di medicina generale, non è Internista a meno che non sia in possesso della Specializzazione in Medicina Interna. L’importanza di questa specializzazione è commisurata alla sua complessità: il corso di studi post-laurea per acquisire la Specializzazione in Medicina Interna è il più lungo di tutti gli altri corsi riguardanti specializzazioni non chirurgiche: 5 anni piuttosto che 4 e conferisce una conoscenza approfondita di tutte le malattie.

Perché e quando devi rivolgerti al medico internista? Ogni qual volta hai un problema di salute che vuoi affrontare in modo approfondito. E’ sempre conveniente rivolgersi primariamente allo Specialista in Medicina Interna e non allo specialista di un organo o di un apparato. Solo lo specialista in medicina interna ha la preparazione idonea per analizzare l’organismo umano nella sua totalità fisica e psichica e dare un giudizio complessivo di normalità o meno.

Che ruolo hanno allora gli altri specialisti? Quello di collaborare con l’internista nella soluzione di un determinato problema. E’ evidente che molto dipende anche dal livello di preparazione e dalle capacità dell’internista se il suo giudizio clinico-diagnostico su un determinato paziente debba o non essere ulteriormente valutato e/o validato anche da altro specialista

Ambiti di interesse della medicina interna: Prevenzione – Diagnosi e Terapia non chirurgica – ReumatologiaPneumologiaCardiologiaGastroenterologiaEmatologiaNefrologia – Malattie del metabolismo – EndocrinologiaAllergologia – Immunologia clinica – Ginecologia – AndrologiaInfettivologia – Oncologia – Pediatria

LA TISIOLOGIA

Si deve al medico e batteriologo tedesco Robert Koch l’identificazione nell’anno 1882 del Mycobacterium tuberculosis, il bacillo che rappresenta l’agente eziologico, ovvero la causa della tubercolosi.

tisiologia

Anche se alcuni studiosi ritengono questa specialità ormai anacronistica e assimilata nella pneumologia, il reinsorgere della tubercolosi nei paesi industrializzati a causa delle recenti ondate migratorie e il persistere dell’infezione nei paesi sottosviluppati ha risvegliato nuovamente l’interesse generale per questa branca della medicina.

Nella seconda metà del 20° secolo il trattamento tradizionale è stato affiancato dal ricorso ai nuovi agenti antitubercolari che agiscono in modo specifico sull’agente causale della malattia, il mycobacterium tubercolosis. I farmaci antitubercolari (rifampicina, streptomicina, etambutolo e isoniazide e loro derivati/associazioni) affiancati dalle nuove tecniche chirurgiche (in particolare toraciche e polmonari, ossee ed articolari, urogenitali), sono diventati il principale presidio terapeutico.

I progressi nella prevenzione della tubercolosi sono il risultato sia di un miglioramento delle condizioni sociali, economiche e igieniche, che dell’attuazione di fondamentali misure di profilassi, come ad esempio l’immunizzazione con il vaccino BCG (bacillo di Calmette e Guérin). I bambini possono essere utilmente vaccinati per proteggerli dalla TBC mentre nessun vaccino attualmente disponibile consente di ottenere una protezione affidabile per gli adulti. Per questi ultimi si può ricorrere alla chemioprofilassi antitubercolare: in soggetti portatori di infezione tubercolare ma non ancora ammalati, così come nei confronti di persone ad alto rischio, si pratica un ciclo di terapia preventiva con un agente antitubercolare, l’isoniazide (INH o INI). Il ciclo deve essere prolungato per almeno 6-12 mesi.

L’obbiettivo della chemioprofilassi è di uccidere i micobatteri presenti nell’organismo mentre sono ancora inattivi e quindi impedire il possibile sviluppo della malattia nei mesi/anni successivi.

L’ECOGRAFIA CLINICA IN MEDICINA INTERNA

Che cosa si intenda per ecografia clinica e perché non debba essere confusa con l’ecografia pura e semplice si comprende facilmente chiamandola in altro modo:

“ecografia bedside” ossia ecografia al capezzale dell’ammalato (in inglese bedside = capezzale). Questa definizione è stata appunto adottata per evitare che non si facesse alcuna distinzione tra “ecografia” e “ecografia clinica”, laddove invece esistono differenze sostanziali. Di solito si pensa che, per il fatto stesso che l’ecografia “tout court” consente di vedere e documentare gli organi interni, non solo ci si ponga al riparo da errori ma addirittura si possa far diagnosi di malattia; in realtà così non è perché tutte le indagini strumentali, sebbene abbiano ampliato a dismisura le capacità diagnostiche del medico, sono gravate dall’esistenza di falsi positivi e falsi negativi a causa dei limiti intrinseci della strumentazione e della componente operatore-dipendente (leggi: dipende da chi la fa e da come la fa).

Altra cosa è l’ecografia clinica: al letto del paziente il medico raccoglie quanti piu dati è possibile nella fase “istruttoria” attraverso una dettagliata storia clinica (anamnesi), indi procede ad un attento esame fisico obiettivo ed infine conclude con un’ecografia clinica mirata, cioè appropriata al/ai problema/i del paziente. Integrando i dati clinici e quelli forniti dalla ecografia (ecco perché “ecografia clinica”) si riduce in modo significativo il margine di errore..

Sono sostanzialmente distinguibili 5 gruppi di ecografie:

  • ecografie integrate (multi-regionali, multi-sonda) nelle principali sindromi cliniche: dispnea acuta, ipotensione/shock, dolore toracico retro sternale, sincope, febbre/sepsi, oligo/anuria e altri disturbi urinari, dolore addominale, politrauma
  • ecografie mirate a un quesito: arto edematoso, tumefazione di tessuti molli, dolore toracico periferico, patologia tiroidea,epatobiliare ecc.
  • ecografie del follow-up, costituite principalmente da patologie croniche di varia natura abbisognevoli di controllo periodico
  • ecografie interventistiche
  • ecografie nelle emergenze

I qualificati pronunciamenti di società scientifiche e del Consiglio Superiore di Sanità hanno chiarito il concetto che la figura più idonea all’esercizio dell’attività ecografica è quella dello specialista nell’ambito della propria specializzazione, con competenza ecografica maturata attraverso corsi di perfezionamento ed aggiornamento ufficialmente riconosciuti.

La Pneumologia

La Pneumologia è la specialità della medicina che si occupa della diagnosi e della terapia delle malattie dell’apparato respiratorio. Il titolo di specialista in malattie dell’apparato respiratorio si acquisisce in tre anni di studio e di esami universitari dopo la laurea in Medicina e Chirurgia.Le malattie dell’appara respiratorio sono, insieme a quelle dell’apparato cardiocircolatorio, ai primi posti nella graduatoria mondiale quanto a invalidità e mortalità anche perché il sistema respiratorio è esposto all’aggressione di molteplici fattori fra cui: infezioni (virali, batteriche, micotiche, tubercolari), enfisema, malattie genetiche, malattie immunitarie, neoplasie, malformazioni toracopolmonari, malattie dello scheletro (es. la scoliosi), malattie del sistema nervoso, malattie allergiche, agenti tossici, inquinamento ambientale, fumo di sigaretta, sedentarietà, farmaci ed altri.

“Immagine tratta dal Corriere della Sera”

“Torace e scoliosi nell’arte. Le violon d’Ingres. Man Ray 1924”

I segni tipici di danno all’apparato respiratorio sono i seguenti:

  • tosse
  • cambiamento di voce
  • ostruzione nasale
  • dolore toracico
  • espettorazione
  • sangue nell’espettorato anche se in tracce minime
  • dispnea (affanno) anche lieve
  • espiro sibilante
  • apnea notturna

Il trattamento delle malattie respiratorie croniche, quale che ne sia la causa primaria, richiede adeguamento consapevole e responsabile del paziente ai consigli del medico.

Ma la patologia dominante ai giorni nostri è la cosiddetta BPCO (acronimo di BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva) quarta causa di morte nel mondo.

Costanza e regolarità nelle terapie farmacologiche, antiallergiche e riabilitative, corrette abitudini di vita, abolizione del fumo, allontanamento dagli ambienti inquinati, utilizzo di mascherina oro-nasale in tutte le condizioni di possibile danno da inquinamento ambientale, attività fisica migliorano in modo significativo la qualità di vita del paziente respiratorio.

Work in progress del dott. Morelli

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpRUQzUnJOUjktLVU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpZGRGem5iSmhLWnc/view 

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpMGR6NmhYRWRzblU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpVjJvWWRYM0I4WjA/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpSEJ0UEwyMHlOZlk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpbEV5ZWozS2JzaWs/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpMjVkUmttcE16T2s/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpRzR6Z1lmejNHc1E/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpLURXc3Y3S0dVUEU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpLTVacW1QLWxaSVE/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpS3Jfd3ZPR2lWU28/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpU0Z2RWJBQWdxcUU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpUnBWZTR4Vk9yY0k/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpdU95bGZORWFIaEk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpQjNfMF9CSG1CbEk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpME9OOVRybDgwdFk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpU0tjaklMTEVqb3c/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpQ042dm92aTJ3Nkk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpSkVuQXlUOHFUZE0/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpQzBPbXM2YjlWUEk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpa1ljdmczTE9pRmc/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpTGd5OVVnWVhfMm8/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpZ2c5ZGdBRUF5clU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpSG5OSXRGRDUxdmc/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpMTV0bWdjTFBGVWs/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpWmd3ZzhVa0VIT2s/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpZHJUdTNmUElrQVU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpWlJWZEYxazJDdkE/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpdzlSdTl0N2x3elU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpTlJYcE5MOUdFVzQ/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpOHhGd1A5d0t6X2M/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpTnpTOUFGdWtHOGc/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpRzVEekhvRmtsekk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpLWpLaExaY2RrYWM/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpMkl4UlYxSVpPTEU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpYWNYb1Zmc1ZLc28/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpNUh3bHI5S2tRaG8/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpY21JSk9hRzFPS28/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpZXNyMUFsYUFkTUU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpMUQ1ZU4ySktVX1E/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpWkR5SUt1R3Z4WUU/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpbVU4MzEzdHRYY1E/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpT3N2ODBXNkR6dXc/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpSU1NeVF1UXlCTEk/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpdlpibS1CejhaWWM/view

https://drive.google.com/file/d/0B8HvMftMIcQpa28wTi1odUMyRE0/view

Pubblicazioni di Utilità Clinica